Benessere – paginemediche.it: consigli per vivere megliobenessere.paginemediche.it

Pubblicità
 
Dimensione carattere: A |A|A Stampa 
Invia ad un amico
digg bookmarking del.icio.us bookmarking LinkedIn bookmarking Technorati bookmarking facebook bookmarking Altri Network di Social Bookmarking
  • google bookmarking
  • yahoo bookmarking
  • reddit bookmarking
  • furl bookmarking
  • blogmarks bookmarking
  • blinklist bookmarking
  • simpy bookmarking
  • netvouz bookmarking
  • Windows Live bookmarking
Tutti a tavola

Cocomero o melone?

Tipici frutti estivi, il cocomero ed il melone sono il vero e proprio simbolo dell'estate perché presentano un contenuto di acqua enorme, che li associa ad un cibo dissetante e fresco, proprio quello che ci vuole per combattere la calura e l'arsura estive.

Il cocomero, originario dell'Africa ed arrivato in Italia soltanto intorno all'anno 1000, grazie alle Crociate, presenta oltre il 95% di acqua ed è quindi il frutto dissetante per antonomasia. Inoltre, è completamente privo di grassi ed ha pochissime calorie e zuccheri; infatti il suo sapore dolce deriva da aromi naturali che, oltre a rendere il cocomero saporito, danno anche un senso di sazietà.

Ecco perché è il frutto ideale anche per chi vuole stare a dieta. Un trucco: mangiatene una fetta prima di sedervi a tavola e vedrete che la fame diminuirà e vi aiuterà ad evitare piccoli peccati di gola. Il cocomero ha inoltre una buona quantità di vitamina A, C e di potassio. Meglio evitare accuratamente i semi, che hanno un forte effetto lassativo e possono provocare problemi digestivi soprattutto ai bambini con meno di 3 anni.

Ci sono due varietà di cocomero. La Crimson Sweet è quella più conosciuta, con un colore della buccia verde bottiglia e striature verde chiaro. È presente da maggio a settembre ed è coltivato di preferenza in climi temperati non troppo umidi. Presenta una polpa di colore rosso vivo. La Sugar Baby, invece, presenta una buccia verde scuro uniforme, mentre la polpa è compatta. Anche questa varietà è presente da maggio a settembre ed è coltivata in climi temperati non troppo umidi.

Per vendere i cocomeri, molti dettaglianti danno la cosiddetta 'prova', cioè li tagliano a metà o ne tolgono uno spicchio per dimostrare che il cocomero è veramente maturo. In alternativa, basta ascoltare il suono che viene dal frutto quando si colpisce la scorza: se è profondo, vuol dire che è maturo.

Il melone ha, rispetto al cocomero, più calorie, più sali minerali, più vitamine e meno acqua. È l'ideale per chi passa o ha passato un'intera mattinata sotto il sole perché nutre, disseta e reintegra i sali perduti con la sudorazione. Inoltre, è anche ricco di potassio, protettore del cuore. La sua forza è nelle vitamine, sia la A che la C: in circa 200 grammi di melone c'è infatti un quantitativo di ben 60 mg di vitamina C, che rafforza le difese immunitarie e protegge la pelle. Attenzione, anche in questo caso, ai semi, perché anche quelli del melone hanno un grande potere lassativo.

Ci sono tre varietà essenziali di melone: il cantalupo, con la buccia piena di avvallamenti e polpa arancione, il retato, che mostra sulla buccia una vera e propria rete ed ha una polpa giallo-verde, e quello d'inverno, con buccia liscia e polpa giallo-verde.

Quando andate a comprarlo dal dettagliante, assicuratevi innanzitutto che non sia esposto alla luce del sole, poiché il calore e la luce tendono a distruggere le vitamine. Assicuratevi inoltre che abbia un profumo piuttosto intenso ed una scorza non eccessivamente dura. Sono questi infatti le due caratteristiche del melone maturo.

Gustatelo in antipasto con il classico prosciutto crudo oppure abbinato al gelato. Se lo mangiate, invece, come frutta a fine pasto, utilizzate un cucchiaio se è solo tagliato a metà, oppure coltello e forchetta se è tagliato a fette.

Segnala il termine che stai cercando
Data pubblicazione mer, 09 lug 2014
Data ultima modifica mer, 09 lug 2014
Pubblicità
Il Glossario di paginemediche.it

Magazine

Focus on

Unghie: l'esperto risponde Macchie bianche o [...]

Unghie: l'esperto risponde

Punto di vista

Dossier

Melanzane, gustose e versatili  Il nome deriva probabilmente da mela [...]

Melanzane, gustose e versatili